ADEGUAMENTO PRG AL PPTR

ADEGUAMENTO DEL PRG AL VIGENTE PPTR – REGIONE PUGLIA
La Regione Puglia, ai sensi della L.R. 20/2001 e in accordo con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (così come previsto dal Codice ‐ D. Lgs 42/2004 e sue modificazioni), con D.G.R. n. 1435 del 2.08.2013 ha adottato il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale.
Con successiva Deliberazione n. 2022 del 29.10.2013 “Modifiche al Titolo VIII delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Paesaggistico Territoriale della Puglia adottato il 2/8/2013 con DGR 1435 ‐ Modifica e correzione di errori materiali nel testo delle NTA e delle Linee Guida di cui all’elaborato 4.4.1”, la Giunta regionale ha adottato dette modifiche, con la conseguente riapertura dei termini per la presentazione delle osservazioni fino al 30.12.2013.
Con Deliberazione n. 2610 del 30.12.2013 pubblicata sul BURP n. 19 del 1202‐2014, la Giunta Regionale ha approvato l’atto di indirizzo relativo all’istruttoria delle osservazioni presentate a norma dell’art. 2 co. 4 della L.R. n. 20 del 7 ottobre 2009, n. 20 recante “Norme per la pianificazione paesaggistica” e delle conseguenti modifiche al PPTR da effettuarsi a valle del recepimento”.
Con Deliberazione n. 176 del 16.02.2015 la Giunta Regionale ha approvato il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR). Il Piano approvato è stato poi pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia (BURP) n. 40 del 23.03.2015, entrando così in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul BURP.
Lo strumento urbanistico vigente nel comune di Vieste è il Piano Regolatore Generale (PRG), approvato in via definitiva con D.G.R. n. 4903 del 15 dicembre 1993.
In attuazione del PRG sono stati approvati Piani Particolareggiati e strumenti attuativi.
L’adeguamento del PRG vigente al Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, ai sensi dell’art. 97 delle Norme Tecniche di Attuazione del PPTR, persegue i seguenti obiettivi integrati e complementari tra loro:
• evidenziare e comunicare la complessità del PPTR e delle opportunità offerte in particolare dai contenuti dello scenario strategico;
• avviare la sistematizzazione dei materiali conoscitivi, progettuali e normativi già disponibili, utili alle successive operazioni finalizzate all’adeguamento del PRG vigente;
• analizzare alcune criticità puntuali nel rapporto tra le previsioni del PPTR e la specifica realtà territoriale di Vieste.

LA PROCEDURA DI ADEGUAMENTO DEL PIANO – TEMPISTICA TEMPORALE
Si descrivono sinteticamente i passaggi necessari all’adeguamento dello strumento urbanistico generale comunale al PPTR, in itinere:
• adozione, da parte dell'Ente locale di una proposta di adeguamento del Piano al PPTR;
• trasmissione della proposta di adeguamento dal Comune di Vieste alla Regione, alla Provincia o ai Comuni interessati, al Ministero, nonché a tutti gli altri Enti competenti volta per volta individuati, al fine di condividere e approfondire alla scala locale le conoscenze, gli obiettivi e le disposizioni normative del PPTR ed acquisirne i rispettivi pareri;
• convocazione da parte del Comune di Vieste, entro 90 giorni dalla trasmissione della proposta di adeguamento, di una conferenza di co‐pianificazione per condividere gli approfondimenti operati alla scala locale delle conoscenze, degli obiettivi e delle disposizioni normative del PPTR;
• conclusione dei lavori della conferenza entro il termine perentorio di 90 giorni dalla data della prima seduta;
• rilascio del parere di compatibilità paesaggistica di cui all’art. 96 co. 1 lett. a) sul Piano da parte della Regione (previo parere favorevole della Conferenza);
• il Sindaco, entro i successivi trenta giorni, propone al Consiglio Comunale l'approvazione del Piano;
• entro 60 giorni dall'approvazione da parte del Consiglio comunale, su richiesta della Regione, il Ministero rilascia il parere previsto dall'art. 146, co. 5 del Codice ai fini della non vincolatività del parere obbligatorio del Soprintendente nel procedimento dell’autorizzazione paesaggistica.

GLI OBIETTIVI DELL’ ADEGUAMENTO
L’adeguamento del PRG vigente al PPTR si pone, oltre all’obiettivo di rispettare la prescrizione del PPTR stesso che impone l’adeguamento degli strumenti generali comunali entro un anno dall’approvazione del Piano, anche ulteriori importanti obiettivi complementari ed integrati tra loro.
In particolare, l’adeguamento si pone i seguenti ulteriori obiettivi specifici:
• Implementare il PRG con il sistema di beni e ulteriori contesti derivante dall’adeguamento al PPTR, al fine di garantire la sostenibilità delle trasformazioni territoriali previste dal vigente strumento urbanistico;
• Acquisire nello strumento urbanistico generale gli approfondimenti conoscitivi, progettuali e normativi elaborati con altri piani settoriali elaborati dal Comune di Vieste;
• Rendere possibile, e coerente con gli obiettivi e la normativa del PPTR, l’attuazione dei processi strategici di rigenerazione urbana;
• Aggiornare, approfondire e articolare la normativa di PRG in funzione di nuove e più attente sensibilità relative ai temi della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica;
• Snellire, per casi specifici previsti dalla normativa di PPTR, le procedure relative alle autorizzazioni paesaggistiche e all’accertamento di compatibilità paesaggistica;
• Definire e/o approfondire progetti di paesaggio innovativi ed integrati che possano costituire il quadro di riferimento per ulteriori progettualità esecutive e per l’accesso a finanziamenti regionali, nazionali e comunitari, in particolare sui temi già affrontati nei progetti territoriali del PPTR.

                      ELENCO DEGLI ELABORATI
N. ORDINE CODICE ELABORATO DESCRIZIONE SCALA GRAFICA
  RELAZIONI DI PIANO
A REL A - - RELAZIONE GENERALE -
B REL B - - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE -
             
  A - IDROGEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO
1 A 1 a - CARTA GEOLOGICA 1:25.000
2 A 2 a - CARTA IDROGEOMORFOLOGICA 1:25.000
3 A 2 b - CARTA IDROGEOMORFOLOGICA - DEM 1:25.000
4 A 3 a - CARTA IDROGRAFICA 1:25.000
5 A 4 a - CARTA DELLE PENDENZE 1:25.000
6 A 5 a - CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOMORFOLOGICA 1:25.000
             
  B - STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE
7 B 1 a - STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE 1:25.000
8 B 1 a 1 STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - SETTORE NORD 1:10.000
9 B 1 a 2 STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - SETTORE CENTRO 1:10.000
10 B 1 a 3 STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - SETTORE SUD 1:10.000
11 B 2 a - STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - LOCALIZZAZIONE CITTA' CONSOLIDATA SETTORE NORD 1:2.000
12 B 3 a - STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - LOCALIZZAZIONE CITTA' CONSOLIDATA SETTORE SUD 1:2.000
13 B 4 a - STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE - VARIANTI URBANISTICHE 1:25.000
             
  C - SISTEMA DELLE TUTELE
14 C 1 a - 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.1 - COMPONENTI GEOMORFOLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
15 C 1 a 1 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.1 - COMPONENTI GEOMORFOLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
16 C 1 a 2 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.1 - COMPONENTI GEOMORFOLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
17 C 1 a 3 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.1 - COMPONENTI GEOMORFOLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
18 C 2 a - 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.2 - COMPONENTI COMPONENTI IDROLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
19 C 2 a 1 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.2 - COMPONENTI COMPONENTI IDROLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
20 C 2 a 2 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.2 - COMPONENTI COMPONENTI IDROLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
21 C 2 a 3 6.1 - STRUTTURA GEOMORFOLOGICA / 6.1.2 - COMPONENTI COMPONENTI IDROLOGICHE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
22 C 3 a - 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.1 - COMPONENTI BOTANICO - VEGETAZIONALI - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
23 C 3 a 1 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.1 - COMPONENTI BOTANICO - VEGETAZIONALI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
24 C 3 a 2 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.1 - COMPONENTI BOTANICO - VEGETAZIONALI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
25 C 3 a 3 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.1 - COMPONENTI BOTANICO - VEGETAZIONALI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
26 C 4 a - 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.2 - COMPONENTI DELLE AREE PROTETTE E DEI SITI NATURALISTICI - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
27 C 4 a 1 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.2 - COMPONENTI DELLE AREE PROTETTE E DEI SITI NATURALISTICI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
28 C 4 a 2 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.2 - COMPONENTI DELLE AREE PROTETTE E DEI SITI NATURALISTICI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
29 C 4 a 3 6.2 - STRUTTURA ECOSISTEMICA - AMBIENTALE / 6.2.2 - COMPONENTI DELLE AREE PROTETTE E DEI SITI NATURALISTICI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
30 C 5 a - 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI CULTURALI E INSEDIATIVE - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
31 C 5 a 1 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI CULTURALI E INSEDIATIVE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
32 C 5 a 2 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI CULTURALI E INSEDIATIVE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
33 C 5 a 3 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI CULTURALI E INSEDIATIVE - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
34 C 6 a - 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI 6.3.2 - COMPONENTI DEI VALORI PERCETTIVI - TERRITORIO COMUNALE 1:25.000
35 C 6 a 1 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI 6.3.2 - COMPONENTI DEI VALORI PERCETTIVI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE NORD 1:10.000
36 C 6 a 2 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI 6.3.2 - COMPONENTI DEI VALORI PERCETTIVI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE CENTRO 1:10.000
37 C 6 a 3 6.3 - STRUTTURA ANTROPICA STORICO - CULTURALE / 6.3.1 - COMPONENTI 6.3.2 - COMPONENTI DEI VALORI PERCETTIVI - TERRITORIO COMUNALE SETTORE SUD 1:10.000
             
  D - PROGETTI STRATEGICI DEL PPTR
38 D 1 a - LA RETE ECOLOGICA REGIONALE 1:25.000
39 D 2 a - IL PATTO CITTA' CAMPAGNA 1:25.000
40 D 3 a - IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE DELLA MOBILITA' DOLCE 1:25.000
41 D 4 a - LA VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA DEI PAESAGGI COSTIERI 1:25.000
42 D 5 a - SISTEMI TERRITORIALI PER LA FRUIZIONE DEI BENI PATRIMONIALI 1:25.000

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.